1993 Articolo del critico d'arte 
Livio Germani